Le azioni

LE AZIONI DEL PROGETTO

AMATI! La Rete Territoriale Antiviolenza di Lodi contro la violenza sulle donne

Realizzato nell’ambito di un Accordo di collaborazione con Regione Lombardia per l’attivazione di servizi e iniziative finalizzate al contrasto e alla prevenzione della violenza sulle donne e alla protezione delle vittime di violenza (l.r. 11/2012), prevede le seguenti azioni:

Potenziamento dei servizi di ascolto e accoglienza delle vittime di violenza a cura del Centro Antiviolenza “La Metà di Niente” di Lodi

 

  • Nuova sede più idonea e accogliente in Via Gorini, 21 a Lodi;
  • Ampliamento degli orari di sportello (5 aperture settimanali);
  • Apertura di uno Sportello Informativo decentrato c/o Ospedale Delmati dell’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi a Sant’Angelo Lodigiano – LO;
  • Potenziamento della reperibilità telefonica diretta al numero 331·3495221, tutti i giorni dalle ore 9 alle 20 (7 gg su 7 – 365 giorni l’anno) e segreteria telefonica attiva nelle ore di non reperibilità diretta con garanzia di richiamata entro 13 ore.

Potenziamento dei servizi di “presa in carico” delle vittime di violenza a cura del Centro Antiviolenza “La Metà di Niente” di Lodi*

 

  • Sostegno psicologico
  • Consulenza legale (civile e penale)
  •  Counseling mirato all’inserimento e/o reinserimento lavorativo
  • Sostegno al reinserimento sociale-lavorativo (possibilità di borse lavoro, corsi di formazione, sostegno nella cura dei figli)
  • Gruppo di Auto Mutuo Aiuto

* In collaborazione con i servizi della Rete Territoriale Antiviolenza di Lodi

Accoglienza in strutture di pronto intervento e accoglienza in strutture di ospitalità temporanea*

 

  •  Soluzioni abitative temporanee (dette di Pronto Intervento) nei casi ad alto rischio per l’incolumità e la sicurezza della donna e dei figli;
  • Soluzioni di più lunga permanenza (accoglienza di I livello – max 30 gg) nei casi in cui sia necessaria una permanenza in struttura per il tempo utile all’emissione dell’ordinanza di allontanamento del maltrattante dalla casa familiare;
  • Accoglienza prolungata (di I livello – max 6 mesi – 180 gg) ove non sia possibile un rientro presso l’abitazione familiare della vittima.

* In collaborazione con i servizi della Rete Territoriale Antiviolenza di Lodi

Tutti i servizi sono gratuiti e garantiscono il massimo anonimato

Azioni trasversali

 

La governance del Progetto è affidata al Comune di Lodi, cui compete il ruolo di coordinamento e monitoraggio, in collaborazione con Prefettura di Lodi e Centro Antiviolenza. Obiettivo principale di queste azioni: conoscere il fenomeno della violenza domestica nei suoi aspetti quantitativi e qualitativi e consolidare prassi di gestione delle accoglienze coordinate tra i vari soggetti partner.

Accanto a queste funzioni, lo sviluppo di una campagna di comunicazione su tutto il territorio provinciale, per informare la cittadinanza della rete di sostegno e protezione attivata a favore delle vittime di violenza e incontri di formazione rivolta agli operatori del territorio (personale di sportello dei Comuni, Polizia Locale, Assistenti sociali, Medici e Pediatri di base).

AMATI

SE LUI É VIOLENTO NON TI AMA, AMATI TU! 

Uscire dalla violenza si può

Progetto “AMATI! La Rete Territoriale Antiviolenza di Lodi – contro la violenza sulle donne” realizzato nell’ambito dell’accordo di collaborazione sottoscritto con la Regione Lombardia per l’attivazione di servizi e iniziative finalizzate al contrasto e alla prevenzione della violenza sulle donne e alla protezione delle vittime di violenza (l.r. 11/2012)